giovedì 6 dicembre 2012

sulla bellezza ora

"quel che impedisce di vedere la bellezza ad ogni istante è la nostra storia, la nostra aspettativa, la nostra speranza, il nostro dinamismo. Non c'è altro che la bellezza. Ogni situazione che si presenta è più che straordinaria. Nella vita, ciò che è ora è affascinante perchè non esiste che nell'istante: l'istante dopo sarà un'altra cosa.
E' come un'amicizia profonda. E' nell'istante. L'istante dopo, l'amico col quale si è così intimi scomparirà. Si può fare altro che donarsi all'amicizia nell'istante? Quando si ha un pò di esperienza e si sono avuti abbastanza amici che hanno lasciato questa terra, non ci si può aspettare qualunque cosa dall'amore, dall'amicizia. Quando sono con qualcuno lo sono completamente.
E' sempre l'ultimo istante: è sempre il primo istante la Bellezza non la si gusta che quando si ha questo senso dell'istantaneità. La bellezza non è mai domani. Non vi è che l'istante. La nuvola che guardo è l'ultima nuvola che guardo. La guardo come se dovessi perdere la vita un attimo dopo. E' la sola maniera di guardare. E' il solo modo di vivere. Altrimenti si vive nella memoria, non si è che nella paura.
Ogni volta che sento in me la fantasia di raggiungere la gioia domani, sto ancora negando ciò che è essenziale. Fino a che penso che qualunque situazione possa portarmi una qualunque cosa, sono nella negazione, nego profondamente la mia risonanza. E la risonanza non ama essere rinnegata, perchè c'è sempre dramma, delusione."
Eric Baret

Nessun commento: